search instagram arrow-down
claudia grendene

Archivi

Aricoli recenti

Come è fatto questo libro. La classe degli altri – Michela Fregona

Come è fatto questo libro

La classe degli altri – Michela Fregona

èstra insomnia

 Apogeo editore 2019, pp. 306, b/n, 16,5×23 cm ISBN: 9788899479510

La classe degli altri di Michela Fregona è un romanzo che racconta, attraverso tante storie, la società contemporanea. Lo sguardo si muove dal microcosmo bellunese, ma punta sulla più ampia realtà italiana, attraverso i cambiamenti avvenuti nell’ultimo quindicennio e, mentre ci ricorda quello che siamo stati, noi veneti, noi italiani, cioè degli emigranti, ci indica quello che saremo. O meglio, che potremmo essere: una società accogliente e multietnica.

Il romanzo si muove tramite una narrazione in prima persona; chi racconta le storie è una professoressa del CPIA (scuola per l’educazione degli adulti) che viene messa in scena sotto forma di personaggio-coscienza che tutto registra, raccoglie, commenta, digerisce e restituisce. Più personaggio-coscienza che identità personale, infatti la professoressa non ha un nome. Si tratta di una coscienza che si espande e tutto ingloba, ogni dettaglio ha un significato di peso nelle vite degli “altri”; ogni vita è composta da una miriade di piccoli particolari che occorre aver voglia di guardare, e vedere, e mettere insieme per trovare un senso o, talvolta, per accettare un feroce non-senso. La scrittura sostanzia la rappresentazione dell’io-coscienza narrante attraverso un uso particolare e anomalo della punteggiatura e delle minuscole.

Ogni capitolo diventa un episodio nell’epico svolgimento di diversi destini: e così seguiamo le storie di Giada, Julio Cézar, Noura, Suzana, Aicha, Miscél, i tre fratellini del Punjabi, e molti altri ancora. La voce narrante ha il fiato corto, come quando il tempo non basta per star dietro a tutto; mentre si legge, la si vede questa prof. con i li libri sotto il braccio e una borsa di stoffa più pesante di lei, a camminare su e giù per le vie di Belluno, col fiatone perché le vite da inseguire sono troppe. Perché le proprie disattenzioni possono avere conseguenze determinanti e perché la posta in palio in questa scuola degli adulti è riuscire a dare o meno alle persone l’ultima possibilità di riscatto. L’unico vero riscatto realizzabile: l’istruzione.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: